?  | #988 | q:0.0469 s | p:0.1480 s | t:0.1950 s
icon_social

Castellani riscopre un vitigno del 1885 

Attraverso una ricerca durata oltre 15 anni il vino Grand Noir rivive a Poggio al Casone.

Il Grand Noir è un ibrido derivato da un incrocio fra Aramon e Petit Bouchet. Venne creato in Francia nel 1885 da Henry Bouchet, che lo battezzò col nome di “Grand Noir de la Calmette”, in onore del luogo dove veniva prodotto.

 

Nella Francia del novecento era molto diffuso, soprattutto nel Midi e in particolare nelle regioni della Garonne e Languedoc. Mentre fino agli anni sessanta il Grand Noir rappresentava il quinto vitigno per estensione di ettari coltivati. Attualmente è pressoché scomparso dal suo paese d’origine.

 

In Italia venne introdotto dal Professor Racah all’inizio del novecento, in Toscana, allo scopo di sostituire Colorino e Tinturier e si diffuse soprattutto nella zona delle Colline Pisane, poi purtroppo anche qui se ne sono perse le tracce.

 

Ma Castellani, che da sempre ha a cuore la conservazione della tradizione in ogni sua forma, non si è arreso alla perdita di un vino tanto pregiato, attraverso una ricerca durata oltre 15 anni in collaborazione con l’Università di Pisa, è riuscito a riportare alla luce questo vitigno, che ora è tornato a crescere sulle nostre colline, nei filari della Tenuta Poggio al Casone.

 

Con le uve di questo raro vitigno l'azienda produce un particolare vino dall'intenso colore rosso rubino, dal gusto molto speziato e fruttato che richiama alcuni dei migliori Pinot Noir del norditalia.

 

Look total black con lamina d'argento sull'etichetta, la bottiglia si presenta in una veste completamente nera, raffinata ed importante così come si deve ad un tipo di vino dalle origini antiche che ritorna finalmente ad essere versato ed assaporato nei nostri calici.



 


 TOP

icon_vini_di_italiaicon_fscicon_agri_bioicon_cert_bioicon_universita_pisaicon_toscana_promozioneicon_agri_sociale_valderaicon_iso9001icon_higher_level

Webmaster Email | Web Project: Ghelardi Associati | Web Design: NoveOPiu